Al Mann, Museo Archeologico Nazionale di Napoli, riapre il Gabinetto Segreto

0
22 Numero visite

Da mercoledì 11 agosto, dopo un anno e mezzo di chiusura,  sarà possibile ammirare nuovamente le sale che ospitano i 250 reperti a soggetto erotico ritrovati durante gli scavi nelle città vesuviane di Pompei ed Ercolano

Pubblicità

NAPOLI – Torna visibile al pubblico, da mercoledì 11 agosto,  il Gabinetto Segreto del Museo Archeologico Nazionale di Napoli. Le sale riservate ai soggetti erotici provenienti dagli scavi di Pompei ed Ercolano, non più fruibile da febbraio 2020, sin dai primi momenti, dunque, della pandemia di Coronavirus, vengono restituite al pubblico “grazie all’applicazione delle nuove disposizioni sul Green Pass, in modo che possa essere garantito un percorso da vivere in tutta sicurezza” – spiega una nota del museo.

Il Gabinetto Segreto, tra censure e chiusure 

Il Gabinetto, che occupa le sale 62 e 65, al piano ammezzato del museo, è una sezione che vede esposti reperti a sfondo esclusivamente erotico e sessuale. Il nome venne assegnato alla collezione dai re Borbone di Napoli. All’epoca le sale erano riservate esclusivamente a “persone di matura età e di conosciuta morale”. 

In seguito la collezione fu anche denominata “Gabinetto degli oggetti riservati” o “osceni” o “pornografici”.  Dopo i moti del 1848 il  Gabinetto, considerato simbolo delle libertà civili e di espressione, venne censurato poiché ritenuto “politicamente pericoloso”. Fu addirittura proposta la distruzione dei reperti  lascivissimi”, con il fine di  salvaguardare la reputazione della casa reale. La collezione non fu distrutta, tuttavia venne chiusa ai visitatori.  Il culmine della censura si raggiunse nel 1851, anno in cui la collezione fu definitivamente sigillata. Su ordine di Garibaldi, nel 1860, tornò fruibile al pubblico, per poi essere nuovamente censurata con il regno d’Italia, culminando durante il ventennio fascista e allentandosi solo dopo il 1971.

La collezione venne riallestita e aperta definitivamente al pubblico nell’aprile del 2000. 

Giulierini: “Un dono simbolico a cittadini e turisti per Ferragosto” 

La riapertura delle sale è “Un dono simbolico a cittadini e turisti presenti in città a Ferragosto” – ha affermato  il Direttore del  MANN, Paolo Giulierini.  Le visite si potranno effettuare in gruppi di 8 persone al mattino (ore 9-14), tutti i giorni ad eccezione del martedì, in cui il museo è chiuso per riposo settimanale.

Le mostre e le altre collezioni 

Anche domenica 15 agosto il Mann si potrà visitare con i consueti orari (9-19.30). Dopo aver ammirato i centosessanta reperti presentati nel Salone della Meridiana con la grande mostra “Gladiatori“, è da non perdere, nelle sezione Preistoria e Protostoria, l’esposizione “Moebius. Alla ricerca del tempo”, dedicata a Jean Giraud, celebre nel mondo del fumetto e dell’arte con lo pseudonimo di Moebius.  L’evento, promosso in rete con COMICON, è stato realizzato nell’ambito del progetto universitario Obvia-Out of boundaries viral art dissemination.

Superate le sale della Sezione Preistoria e Protostoria, è possibile ammirare “La Piana Campana, terra senza confini” che presenta ottocento reperti, in parte inediti, che abbracciano un arco temporale che va dall’Età del Bronzo al III sec. a.C.

Nel Braccio Nuovo del Museo ai più piccoli  è dedicata “Gladiatorimania” e  l’ installazione “Gladiatori di carta” di Sara Lovari e Mauro Maurizio Palumbo.

Gli appassionati di arte contemporanea, infine, possono ritrovare, nella collezione Farnese, le creazioni di “P. P. P. Possibile Politica Pubblica” di Sasha Vinci, mentre  nelle sale 94 e 95 è in programma, sino al 30 settembre, “Leib_corpo vivente” di Danilo Ambrosino.

 

Notizia