Noto, Si è tenuto ieri il convegno “Territorio accessibile e diversi equilibri” del progetto “Equilibri: tutti siamo diversi”

0
1.083 Numero visite

È durato 12 ore il lungo convegno “Territorio accessibile e diversi equilibri” del progetto socio-culturale “Equilibri: tutti siamo diversi” dell’associazione Azahar di Giovanni Parentignoti e dell’agenzia Ar@m Communication di Mara Di Stefano, svoltosi ieri a Sala Gagliardi a Noto proprio in occasione della Giornata Internazionale delle Persone con disabilità.

Equilibri_diversi

All’incontro, che ha visto la partecipazione delle scuole del territori, delle associazioni, della chiesa rappresentata dal vicario Angelo Giurdanella, dall’Asp con la presenza dei dottori Assenza e Nicita, sono intervenuti 15 relatori che hanno trasmesso importanti informazioni ed esperienze al pubblico presente. Il convegno è stato moderato dalla giornalista Emanuela Volcan componente anche dello staff del progetto.

Ad aprire i lavori è stata la musicoterapeuta Laura Giavotto che ha suscitato al curiosità dei presenti che hanno partecipato al dibattito post-intervento. Tecnico ma facilmente comprensibile l’intervento dell’ingegnere Alessandro Roversi, di Milano, che ha delucidato la platea sulle nuove tecnologie e soprattutto sui moderni ascensori atti ad abbattere le barriere architettoniche.  Nella tarda mattinata purtroppo un inconveniente che ha creato disagi ad una donna con disabilità, la dottoressa Carmela Carbonaro referente del coordinamento di famiglie ed associazioni Coprodis della provincia di Siracusa, rimasta bloccata a metà scala perché la rampa sollevatrice che l’avrebbe dovuta trasportare fino al primo piano di Sala Gagliardi si è scaricata. Un incidente immediatamente denunciato dalla donna.

Gli organizzatori del progetto, che hanno più volte sollecitato l’amministrazione comunale affinché la location scelta fosse totalmente accessibile proprio per evitare inconvenienti come quello accaduto, si sono uniti alla denuncia della donna e si sono ripromessi di comunicare agli amministratori quanto accaduto dato che per impegni istituzionali nessuno dell’amministrazione era presente all’incontro. La seconda parte del convegno è ripresa con l’intervento del dottore Alfonso Nicita e Rosi Sizi che hanno parlato del nuovo sportello InfoAutismo avviato dall’Asp a Siracusa, si è proseguito con la referente dell’Aspe Valentina Sabino e ancora con Giovanna Bellomia e Maurizio Battista, referenti del centro diurno Eubios di Siracusa, che hanno parlato della loro esperienza con Stefano, presente in sala, in grado di muovere solo gli occhi ed un ginocchio ma che ormai riesce ad esprimersi tramite la pittura e una tavoletta in plexiglass riportante le lettere.

Hanno dato il loro contributo anche Sebastiano Abela, esperto di comunicazione che ha mostrato con un video come riesce a danzare seppur necessita continuamente di un appoggio e l’attrice Rita Abela impegnata nei laboratori teatrali nelle scuole del territorio. Interessante l’intervento di Dario Pasquarella, sordo, attore e regista che ha spiegato il linguaggio dei muti nelle varie arti. E ancora Roberto Farruggio e Luca Genovese che si sono soffermati sul Parentproject. Hanno concluso al lunga maratona informativa sulla disabilità la dottoressa Concetta Sanbasile rappresentante dell’Aido, il dott. Edoardo Travali dell’Avis e Roberta Macrì, di Messina, danzatrice in carrozzina che ha spiegato come avere una “seconda vita” è bellissimo e bisogna avere rispetto delle norme siano esse a tutela dei disabili siano esse per il rispetto della vita in generale.

Gli appuntamenti del progetto “Equilibri: tutti siamo diversi” continuano e, oltre alla mostra di foto, quadri, e sculture attiva a Sala Gagliardi fino a domenica, stamani si svolgeranno incontri dibattito negli istituti della scuola elementare Aurispa e nella sede del Cumo, e il laboratorio di arti visive nell’aula magna dell’istituto per geometri a cura di Valentina Sammito.

http://www.siracusanews.it

 

Newsletter