Il Teatro oltre le barriere. Al Ghione la cultura è anche responsabilità sociale

0
1.275 Numero visite

Un teatro senza barriere, accessibile anche ai non vedenti, agli ipovedenti e alle persone non udenti: non un desiderio ma una concreta realtà. Inizia domenica, al Teatro Ghione di Roma la stagione accessibile. Primo appuntamento la replica pomeridiana di ‘Uscirò dalla tua vita in taxi’ (regia di Pino Ammendola) alle ore 17. Non un esperimento ma un collaudato appuntamento.

Schermata-2014-10-03-alle-13_42_01«Gli eventi culturali hanno una responsabilità anche sociale – spiega Roberta Blasi, Direttrice del Ghione – e devono essere al servizio di tutti gli utenti, soprattutto di coloro che hanno esigenze speciali». Già la scorsa stagione gli spettatori avevano potuto contare sul servizio di audiodescrizione per diversi spettacoli. Quest’anno ogni spettacolo in cartellone ha una replica ‘accessibile’.
Grazie alla collaborazione di Isiviù, gli spettacoli della stagione 2014/2015 del Teatro Ghione sono accessibili anche alle persone con disabilità sensorialiattraverso il servizio di audiodescrizione (una voce narrante inserisce un commento all’interno della trama), e grazie alle visite sensoriali (la possibilità di toccare scenografia, attrezzi e costumi di scena) le persone non vedenti e ipovedenti possono vivere l’esperienza del teatro. A partire da quest’anno, sarà disponibile anche la traduzione in LIS (Lingua Italiana dei Segni) degli spettacoli.

http://romareport.it

Notizie via email