Pubblicato: domenica 18.6.2017 alle 17:32
168 Numero visite | Sei in Politica

L'Aquila
104 del 1992

Regione: Bracco presenta proposta di legge per corso LIS

In Abruzzo persone non udenti tesserate sono circa 700

Condividi questo articolo
Segui Sordionline su

Pubblicato: domenica 18. 6. 2017 alle 17:32
Categoria: Politica
168 Numero visite
Commenta: Nessun commento
Postato: webdesigner
Tags correlati: , , , ,

L’AQUILA – “Promuovere e diffondere la conoscenza della lingua dei segni italiana (Lis), così da abbattere le barriere della comunicazione, favorire una migliore integrazione sociale e culturale e offrire un’opportunità lavorativa agli allievi di un corso finanziato dalla Regione che potranno poi svolgere attività di ausilio e supporto nell’ambito di strutture pubbliche e private”.

Questa la finalità della proposta di legge, presentata dal consigliere di Sinistra italiana Leandro Bracco per l’istituzione di un corso regionale finalizzato all’apprendimento della lingua dei segni italiana.

“Come confermato dalla sede provinciale dell’Aquila dell’ Ens (Ente nazionale sordi) onlus – ha commentato Bracco – le persone non udenti tesserate suddivise per provincia sono oltre 170 nell’aquilano, 170 nel pescarese, 150 nel teramano e 200 nel chietino”.

“Per ogni provincia ci sono poi all’incirca una quarantina di persone, che pur non essendo tesserata conosce, comunque, perfettamente la Lis. A questi numeri vanno poi aggiunti altri individui che pur avendo problemi di udito riescono ugualmente a parlare senza utilizzare la Lis”.

“Si tratta di cifre importanti – ha proseguito il consigliere – che rappresentano una parte della popolazione abruzzese, cui va garantita la comunicazione tout court con il mondo esterno. Il progetto legislativo ha lo scopo di abbattere le barriere comunicative che troppo spesso si incontrano nella nostra società a discapito dei non udenti”.

Per l’anno 2018, saranno ammessi al corso quaranta allievi i quali dovranno essere residenti nella regione Abruzzo da almeno tre anni e aver almeno conseguito un diploma di scuola secondaria di secondo grado.

L’onere finanziario di cui la Regione dovrà farsi carico, sarà pari a 44 mila euro, considerato che il costo di ogni corso si attesta sui 1100 euro.

“La legge 104 del 1992 prevede l’abbattimento delle barriere della comunicazione. A 25 anni da quella norma – ha continuato Bracco – è giunto il momento che la Regione, si prenda carico della formazione di tutte quelle persone che hanno il desiderio, ma soprattutto la sensibilità di fare uscire dall’isolamento comunicativo le persone non udenti al fine che anche costoro possano interagire nella maniera migliore possibile con il mondo che li circonda”.

“Dal punto di vista sociologico la lingua dei segni – ha concluso – è una lingua a tutti gli effetti in quanto espressione di una comunità. Per questo motivo, la nostra  regione, ha il dovere di occuparsene per fare in modo che ognuno di noi, nessuno escluso, possa sentirsi parte integrante della collettività”.

http://www.abruzzoweb.it/

 

Monte Porzio Catone (RM)
Frammenti Festival '17 – #this is water

Visita guidata in LIS all’area archeologica del Parco del Tuscolo

Ultimo articolo

Roma
Senza anima?

Il New York Times: «Trastevere muore senza il cinema America»

Dalle colonne del quotidiano Usa arriva un monito su ciò che potrebbe diventare uno dei quartieri più famosi della Capitale se...

Nessun commento
Articoli sullo stesso argomento

Strumenti
Stampa questa pagina Stampa questa pagina
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico
Scrivi il tuo articolo
Iscriviti alla Newsletter


Titolo della pagina:

Regione: Bracco presenta proposta di legge per corso LIS


Questo indirizzo (URL) del sito di una pagina:
http://www.sordionline.com/index.php/2017/06/regione-bracco-presenta-proposta-legge-corso-lis/

Cosa ne pensi? Aggiungi un commento

Per scrivere: Accedi oppure registrati per pubblicare un commento.

Roma
Iniziative per tutti

Che cosa fare a Ferragosto 2017 Roma

Ultimi commenti
Chi: #AssistenzaH24Subito : Aggiornamenti in tempo reale sul caso dei disabili siciliani senza assistenza domiciliare H24 da 20anni « #StopAllaViolenzaSuiDisabili

Jovanotti con Pif: «Mi fa schifo chi prende in giro i disabili siciliani»

Data: 20-6-2017

Utenti registrati
Iscriviti

Gestore di Sordionline

- Sordionline propone di offrire ciò che occorre per svolgere in modo più efficace ed efficiente le attività quotidiane sfruttando al meglio la comunicazione e le potenzialità offerte da Internet per persone sorde