Novara
E’ stata una bella esperienza

Interviste e selfie nella caccia al tesoro per non udenti

Organizzata domenica pomeriggio a Borgomanero dal Movimento apostolico sordi della diocesi di Novara

Pubblicato: mercoledì 28.6.2017 alle 11:59
Segui Sordionline su
257 Numero visite | Nessun commento

Don Ntugu: “Celebro anche col linguaggio dei segni”

Intervistare un gelataio e poi chiedergli di fare un video cantando, fermare due persone e invitarle a scattarvi una foto davanti alla statua della Madonna al centro di Borgomanero. Facile per chi non è rallentato dall’handicap, un po’ più complicato per chi ha una disabilità uditiva e spesso si trova davanti persone che non si rendono conto della sua difficoltà: sono queste alcune delle prove della «caccia al tesoro» organizzata domenica pomeriggio a Borgomanero dal Movimento apostolico sordi della diocesi di Novara.

MARCELLO GIORDANI

Venti partecipantiUna ventina di persone sorde dalla nascita si sono cimentate negli «Urban Games» e il risultato è degno di un’indagine sociologica per capire quante difficoltà incontra un sordo nella vita di tutti i giorni. Nella diocesi di Novara un sacerdote originario della Guinea Equatoriale, don Antimo Ntugu, si è specializzato nel linguaggio dei sordi ed ogni mese celebra una messa «bilingue», comprensibile anche a chi non sente. «Ho frequentato dei corsi e ho imparato la lingua dei segni – racconta -. Anche nelle parrocchie, che hanno un alto grado di sensibilità, non è facile fare capire quante difficoltà incontra ogni giorno chi ha gravi problemi di udito.

Ad esempio, il sordo deve comprendere quello che dice il sacerdote attraverso il labiale, quindi deve sempre potere vedere bene chi celebra messa, allora è necessario tenere i banchi delle prime file a disposizione dei sordi. Quanto è stato difficile farlo capire!».

Le catechiste formateSempre in diocesi sono attive tre catechiste che lavorano con le persone affette da sordità: Anna De Paoli, Monica Martino e Isabella Degritti. «Mentre la cecità viene percepita dall’opinione pubblica come un handicap serio e suscita attenzione – dicono le catechiste – della sordità manca quasi completamente la percezione, spesso l’interlocutore non si preoccupa di parlare in modo da farsi capire attraverso il labiale. C’è ancora molto da fare: la caccia al tesoro è uno strumento per fare incontrare le persone. Il Movimento apostolico sordi è nato 25 anni fa dall’intuizione di un sacerdote di Gozzano, don Giuliano Ruga, e si propone come punto di riferimento per queste persone, che quotidianamente devono superare ostacoli e non vengono facilitate nella vita di relazione». Alla caccia al tesoro le squadre avevano all’interno anche un «udente», in grado di supportare i compagni: «E’ stata una bella esperienza – dicono i protagonisti – sicuramente da ripetere».

http://www.lastampa.it

 

 

Articoli sullo stesso argomento

Strumenti
Stampa questa pagina Stampa questa pagina
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico
Scrivi il tuo articolo
Iscriviti alla Newsletter


Titolo della pagina:

Interviste e selfie nella caccia al tesoro per non udenti


Questo indirizzo (URL) del sito di una pagina:
http://www.sordionline.com/index.php/2017/06/interviste-selfie-nella-caccia-al-tesoro-non-udenti/

Cosa ne pensi? Aggiungi un commento

Per scrivere: Accedi oppure registrati per pubblicare un commento.

Ultimi commenti
Chi: #AssistenzaH24Subito : Aggiornamenti in tempo reale sul caso dei disabili siciliani senza assistenza domiciliare H24 da 20anni « #StopAllaViolenzaSuiDisabili

Jovanotti con Pif: «Mi fa schifo chi prende in giro i disabili siciliani»

Data: 20-6-2017

Utenti registrati
Iscriviti

Gestore di Sordionline

- Sordionline propone di offrire ciò che occorre per svolgere in modo più efficace ed efficiente le attività quotidiane sfruttando al meglio la comunicazione e le potenzialità offerte da Internet per persone sorde