Svizzera
Niente allarme per sordi?

I sordi scendono in piazza contro gli allarmi

Per attirare l’attenzione sull’esclusione dei non udenti dalle informazioni d’emergenza oggi si sono svolte manifestazioni in quattro città svizzere, tra cui Lugano

Pubblicato: mercoledì 1.2.2017 alle 18:35
Segui Sordionline su
801 Numero visite | Nessun commento
Categoria: Esteri

“I sordi continuano a rischiare la propria vita perché esclusi dai sistemi d’allarme sirena e dalle informazioni d’emergenza emesse dalle stazioni radiofoniche” si legge in un comunicato odierno. “Contro questa ingiustizia, la Federazione svizzera dei sordi ha organizzato in quattro città svizzere, tra cui Lugano (in Piazza San Carlo), la manifestazione #Allarmemorti per chiede all’Ufficio federale della protezione della popolazione UFPP di agire.

Place de l’Europe a Losanna © Keystone

 

“Oggi infatti le sirene di tutta la Confederazione si sono accese per verificarne il corretto funzionamento, ma per le persone non udenti tutto continuerà a rimanere in silenzio” proseguono.”La Svizzera è vincolata dalle disposizioni della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con una disabilità a garantire un sistema di allarmi in caso di catastrofi soprattutto ed anche alle persone residenti con una disabilità. Ma sono anni che le persone sorde e con una disabilità uditiva residenti in Svizzera attendono invano l’adempimento dei loro diritti e vengono continuamente accantonati dall’Ufficio federale per la Protezione Civile.”

“Che un allarme visivo sarebbe possibile, lo dimostra la soluzione attuata ad oggi solo nella regione di Basilea” si legge ancora nel comunciato. “Qui l’Istituto dei Sordi, in collaborazione con la Polizia, avvisa i residenti sordi con un sistema via SMS dell’imminente pericolo. Ma la protezione della popolazione è e resta un compito della Confederazione! Per questo, la Federazione svizzera dei sordi chiede all’Ufficio per la protezione della popolazione che vengano finalmente attuate misure concrete per implementare un allarme visivo sul piano nazionale adatto anche alle persone sorde e con una disabilità uditiva.”

Le altre città che hanno partecipato all’iniziativa sono Basilea (Barfüsserplatz), Berna (Bassa Waisenhausplatz) e Losanna (Place de l’Europe).

http://www.cdt.ch/

 

Interprete lingua dei segni gesticola a caso durante conferenza stampa polizia Video

Ha destato incredulità l’operato di un’interprete che a Tampa, in Florida, ha fantasiosamente tradotto un comunicato delle Forze dell’Ordine...

Guarda tutti i videaf

Monterotondo (Roma)
16 dicembre 2017

Circolo per l’Integrazione dei Sordi Monterotondo ‘consegna ceste di Natale 2017’

Per i soci CIS e gli allievi della Scuola LIS al circolo dalle 17,30 e CENA SOCIALE

10 Dic 2017
Articoli sullo stesso argomento

Strumenti
Stampa questa pagina Stampa questa pagina
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico
Scrivi il tuo articolo
Iscriviti alla Newsletter


Titolo della pagina:

I sordi scendono in piazza contro gli allarmi


Questo indirizzo (URL) del sito di una pagina:
http://www.sordionline.com/index.php/2017/02/sordi-scendono-piazza-gli-allarmi/

Cosa ne pensi? Aggiungi un commento

Per scrivere: Accedi oppure registrati per pubblicare un commento.

Roma
di Licia Gargiulo

Natale a Cinecittà World

Roma
Party d’Inaugurazione sabato 9 dicembre

Natale a Cinecittà World

Ultimi commenti
Chi: ABUSI SUI BAMBINI SORDI:la confessione del prete dell'Istituto Provolo - Varese Press giornale online

Pedofilia al Provolo in Argentina, ispettore del Papa interrogato dal pm

Data: 29-11-2017

Chi: ABUSI SUI BAMBINI SORDI:la confessione del prete dell'Istituto Provolo - Varese Press giornale online

Istituto Provolo, abusi sui bimbi sordomuti: in esclusiva i documenti secretati dal Vaticano

Data: 29-11-2017

Chi: QUANTA CONFUSIONE | Il Blogger dei Sordi

Perché quel Testo Unico non va bene

Data: 23-11-2017

Utenti registrati
Iscriviti

Gestore di Sordionline

-

Sordionline propone di offrire ciò che occorre per svolgere in modo più efficace ed efficiente le attività quotidiane sfruttando al meglio la comunicazione e le potenzialità offerte da Internet per persone sorde