Ravenna
Problema handicap invisibile

Quadrifoglio: le persone sorde chiedono una mano all’Ausl

Pubblicato: lunedì 30.1.2017 alle 12:31
Segui Sordionline su
494 Numero visite | Nessun commento

L’Associazione culturale il Quadrifoglio, nata a Ravenna per iniziativa di un gruppo di persone sorde e presieduta da Luna Bizzarri (che avevamo intervistato qui), chiede un sostegno economico all’Ausl: “La nostra esigenza è avere un contatto più diretto con le istituzioni locali e riuscire così in base alle necessità dei cittadini sordi a garantire una piena integrazione con la città e il libero accesso ai servizi che essa offre”.

Luna Bizzarri, presidente dell’associazione Il Quadrifoglio

A Ravenna è attivo il servizio di interpretariato in lingua dei segni che offre sostegno durante le visite mediche, espletamento di pratiche burocratiche, contatti tra cittadini ed enti sia pubblici che privati: “Il servizio, con il passare degli anni e il radicarsi della fiducia nell’interprete da parte degli utenti, ha acquistato una grandissima importanza nella vita dei cittadini sordi che ora si affidano ad esso con serenità e fiducia. In questo abbiamo lavorato a stretto contatto con assistenti sociali, sindacati, uffici comunali e provinciali, medici di base e strutture sanitarie garantendo sicurezza di comprensione sia per gli utenti che per gli operatori.

La sordità viene definita l’handicap invisibile, in quanto è impossibile riconoscere per strada una persona sorda in mezzo a tante normodotate, ma le difficoltà di comprensione e di integrazione che i sordi incontrano nella loro vita sono molteplice e quotidiane. La semplice visita dal medico di base o il rinnovo del documento di riconoscimento richiedono al sordo grande sforzo e tensione con la paura continua di non avere compreso pienamente le cure o le pratiche burocratiche da eseguire”.

Non solo: “La persona sorda, sin dalla prima infanzia, deve compiere uno sforzo enorme per comprendere e integrarsi nella società, e spesso il fatto che non ci sia dagli altri la comprensione delle difficoltà a cui si è sottoposti crea delusione e isolamento, mancanza di informazioni e disinteresse della vita sociale. Le richieste di accompagnamento toccano i più svarianti ambiti: dalla ricerca del lavoro e l’affiancamento nei primi giorni per la comprensione delle mansioni da svolgere all’assistenza nelle cure di gravi patologie. Si rivolgono al servizio agli anziani che non hanno familiari oppure i giovani che desiderano comprendere totalmente ciò che viene loro detto e su questa base trarre le loro decisioni senza l’ interferenza di parenti, che per cercare di aiutarli il più delle volte si sostituiscono a loro anche in scelte importanti”.

Nuov esfide sono nate con l’arrivo di cittadini stranieri sordi: “Questo ci ha messo di fronte a situazioni di grave disagio che siamo riusciti a gestire in collaborazione con la prefettura e gli assistenti sociali con ottimi risultati, motivo di grande orgoglio e soddisfazione. Nonostante le poche ore a disposizione e le difficoltà economiche, abbiamo garantito sempre la nostra presenza in situazioni difficili sia di giorno che di notte, giorni feriali e festivi, con la precisa volontà di non lasciare mai nessuna nella paura e nell’incertezza. Abbiamo assistito a quattro parti di sorde straniere con le relative visite pre e post partum, seguite le pratiche per le domande delle case popolari, inserimento di bambini nel nido o alla scuola materna e successivamente eravamo presenti alle udienze e agli incontri coi genitori; abbiamo aiutato famiglie in difficoltà economica grazie all’aiuto degli assistenti sociali ed infine siamo riusciti a trovare loro una occupazione, siamo stati presenti in sala operatoria per operazioni di cataratta e ernia o in occasioni di esami come colonscopie e gastroscopie, sempre presenti nei ricoveri urgenti e nella spiegazione di grave malattie, abbiamo aiutato nell’acquisto di case e macchine, celebrato matrimoni e formalizzato separazioni, abbiamo partecipato alla vita dei sordi di Ravenna in tutte le sue sfaccettature creando un servizio che siamo sicuri possa essere motivo di orgoglio per tutta la città”.

ilquadrifoglio.ravenna@gmail.com

http://www.emiliaromagnamamma.it

 

Perugia
Nel mese di ottobre...

‘Oktoberfest a Perugia’ dell’AUSRU

Festa d’ottobre, “alla bavarese”… ma l’AUSRU desidera, qui a Perugia, di farlo ‘Perugina’ …

Articoli sullo stesso argomento

Strumenti
Stampa questa pagina Stampa questa pagina
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico
Scrivi il tuo articolo
Iscriviti alla Newsletter


Titolo della pagina:

Quadrifoglio: le persone sorde chiedono una mano all’Ausl


Questo indirizzo (URL) del sito di una pagina:
http://www.sordionline.com/index.php/2017/01/quadrifoglio-le-persone-sorde-chiedono-mano-allausl/

Cosa ne pensi? Aggiungi un commento

Per scrivere: Accedi oppure registrati per pubblicare un commento.

Ultimi commenti
Chi: #AssistenzaH24Subito : Aggiornamenti in tempo reale sul caso dei disabili siciliani senza assistenza domiciliare H24 da 20anni « #StopAllaViolenzaSuiDisabili

Jovanotti con Pif: «Mi fa schifo chi prende in giro i disabili siciliani»

Data: 20-6-2017

Utenti registrati
Iscriviti

Gestore di Sordionline

- Sordionline propone di offrire ciò che occorre per svolgere in modo più efficace ed efficiente le attività quotidiane sfruttando al meglio la comunicazione e le potenzialità offerte da Internet per persone sorde