Formazione professionale

Svizzera. Sempre più invalidi trovano lavoro

Pubblicato: lunedì 3.6.2013 alle 11:05 | 1.597 Numero visite | Nessun commento

L’AI trova per loro 16 mila impieghi nel 2012: si va verso una nuova visione

BERNA – Gli uffici cantonali dell’assicurazione invalidità (AI) in collaborazione con numerosi datori di lavoro hanno trovato nel 2012 un impiego per 16.629 persone che godono di un cosiddetto “assegno per grandi invalidi”. Per circa 6.000 di essi si tratta di un’attività presso un nuovo datore.

Foto d'archivio Keystone

Foto d’archivio Keystone

“Con l’AI stiamo avanzando lentamente ma con sicurezza”, scrive Jean-Philippe Ruegger, presidente della Conferenza degli uffici AI, nel rapporto annuale pubblicato oggi. L’AI si è trasformata da un’assicurazione di rendita a una di reinserimento.

“Il reinserimento professionale di persone che soffrono di problemi di salute a lungo termine è possibile se tutti – gli assicurati, l’azienda, il medico curante e le assicurazioni sociali – remano nella stessa direzione”, sottolinea Ruegger. Ci si trova comunque di fronte a una grossa sfida: quella del numero enorme di beneficiari dell’AI che non lavorano più da molto tempo.

La prima tranche di misure previste dalla 6. revisione dell’AI è entrata in vigore all’inizio del 2012. La prossima tappa, attualmente in discussione in Parlamento, prevede tra l’altro l’introduzione di un sistema di rendite lineare. La conferenza degli uffici AI sostiene tali provvedimenti.

“Oggi un piccolo reddito supplementare può addirittura causare la perdita di un’intera rendita, a causa dei cosiddetti effetti soglia”, afferma Ruegger. Con un sistema di progressione lineare essi scomparirebbero.

Ruegger – che ha concluso il suo primo mandato di tre anni alla presidenza della Conferenza degli uffici AI – si dice contrario a una centralizzazione delle assicurazioni. “La prossimità con i cittadini è decisiva nel contesto del reinserimento professionale”. La soluzione cantonale ha inoltre vantaggi evidenti rispetto a una soluzione centralizzata più pesante e rimane in ogni caso meno costosa.

http://www.cdt.ch/

 

Tags correlati: , , , ,

Come insultare gli altri con la lingua dei segni Video

Un’arte, quella del linguaggio dei segni, che può tornare utile anche quando vogliamo insultare qualcuno...

Guarda tutti i videaf

Perugia
Sabato 6 gennaio 2018

Aspettiamo la Befana! dell’AUSRU

Finalmente un’occasione per concludere queste bellissime giornate invernali di festa

31 Dic 2017
Articoli sullo stesso argomento

Strumenti
Stampa questa pagina Stampa questa pagina
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico
Scrivi il tuo articolo
Iscriviti alla Newsletter


Titolo della pagina:

Svizzera. Sempre più invalidi trovano lavoro


Questo indirizzo (URL) del sito di una pagina:
http://www.sordionline.com/index.php/2013/06/svizzera-sempre-piu-invalidi-trovano-lavoro/

Cosa ne pensi? Aggiungi un commento

Per scrivere: Accedi oppure registrati per pubblicare un commento.

Ultimi commenti
Chi: DeafBook: la letteratura dei sordi | Il Blogger dei Sordi

Intervista all’autrice Eliana Zambito Marsala de “Colorami l’Anima”

Data: 4-1-2018

Chi: ABUSI SUI BAMBINI SORDI:la confessione del prete dell'Istituto Provolo - Varese Press giornale online

Pedofilia al Provolo in Argentina, ispettore del Papa interrogato dal pm

Data: 29-11-2017

Chi: ABUSI SUI BAMBINI SORDI:la confessione del prete dell'Istituto Provolo - Varese Press giornale online

Istituto Provolo, abusi sui bimbi sordomuti: in esclusiva i documenti secretati dal Vaticano

Data: 29-11-2017

Utenti registrati
Iscriviti

Gestore di Sordionline

- Sordionline propone di offrire ciò che occorre per svolgere in modo più efficace ed efficiente le attività quotidiane sfruttando al meglio la comunicazione e le potenzialità offerte da Internet per persone sorde